ALABAMA, STATI UNITI D'AMERICA, I DIRITTI DELLE DONNE TORNANO AL MEDIOEVO

16/05/2019

- every life is a sacred gift from God - this bill closely resembles an abortion ban that has been a part of Alabama law for well over 100 years

Due frasi del comunicato del governatore (donna) Kay Ivey illustrano il senso della nuova legge sull'aborto introdotta nello stato dell'Alabama :
- every life is a sacred gift from God
- this bill closely resembles an abortion ban that has been a part of Alabama law for well over 100 years

100 anni di emancipazione e liberazione ignorati e cancellati, per ripristinare una concezione oscurantista e a-morale della vita.

Così gli Stati Uniti si apprestano a diventare un paese dove l'integralismo religioso sostituisce il diritto laico, come in altri paesi dove prevale il fondamentalismo musulmano.

— Governor Kay Ivey (@GovernorKayIvey) 15 maggio 2019
"Oggi ho firmato l'Alabama Human Life Protection Act. Per molti sostenitori del disegno di legge, questa legislazione rappresenta una forte testimonianza della profonda convinzione dei cittadini dell'Alabama che ogni vita è preziosa e che ogni vita è un dono sacro di Dio."

"Sotto tutti i punti di vista, questo disegno di legge ricalca da vicino il divieto di aborto che è stato parte della legge dell'Alabama per oltre 100 anni. Come la stessa legge emanata oggi riconosce, quella legge sull'aborto è stata resa "inapplicabile a seguito della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti a Roe v. Wade".

Indipendentemente dal punto di vista personale sull'aborto, possiamo riconoscere che, almeno per un breve periodo, questo disegno di legge potrebbe essere inapplicabile. Come cittadini di questo grande paese, dobbiamo sempre rispettare l'autorità della Corte Suprema degli Stati Uniti anche quando non siamo d'accordo con le loro decisioni. Molti americani, me compresa, non erano d'accordo quando fu emanata la sentenza Roe v. Wade nel 1973.

Gli autori dell'attuale disegno di legge credono che sia tempo, ancora una volta, per la Corte Suprema degli Stati Uniti di rivisitare questa importante questione, e credono che questo atto possa essere la migliore opportunità perché questo si verifichi."

La legge antiaborto dell'Alabama segue di pochi giorni quella introdotta, anche se con eccezioni diverse, in Florida ed altri stati, e gli stessi promotori ne hanno evidenziato lo scopo strumentale che consiste nel rimettere in discussione la sentenza della Corte Suprema del 1973 sul caso Roe v. Wade che di fatto rese legittimo l'aborto negli Stati Uniti.


Dopo la nomina di Kavanaugh da parte di Trump, la maggioranza dei 9 membri della Corte Suprema è di orientamento conservatore e maschile, e quindi potrebbe rimettere in discussione o capovolgere la sentenza del 1973 dichiarando illegale l'aborto.

L'ironia della storia vuole che il signor Brett Kavanaugh, nominato dal noto frequentatore di operatrici del sesso Trump, è stato accusato da alcune donne di tentativi di stupro in gioventù.

Le nuove leggi antiabortiste saranno ovviamente valide solo per chi non ha i soldi per trasferirsi a San Francisco o New York e permettersi interventi in cliniche costose.

La legge approvata in Alabama sancisce il divieto assoluto di aborto, anche nei casi di violenza sessuale, limitandolo solo ai casi di accertato pericolo di morte per la donna !!

Negli anni dal 1570 al 1580, l'aborto veniva sempre più visto come un crimine "atroce e grave" che non poteva essere assolto nel confessionale ma necessitava di una assoluzione da parte di un vescovo.


Nel 1588 papa Sisto V cercò di cambiare questa prassi ed emise una bolla papale equiparando l'aborto, indipendentemente dallo stadio dello sviluppo fetale, come un omicidio. Questo sia da un punto di vista teologico che penale, sottomettendo i trasgressori alla scomunica e alla punizione .


La bolla papale significava che chiunque avesse cercato, eseguito o aiutato ad abortire doveva essere scomunicato dalla chiesa e poteva cercare il perdono solo con un viaggio a Roma. Ma il viaggio era pericoloso, costoso e quasi impossibile da intraprendere segretamente. Immediatamente, vescovi e vicari di tutta Italia iniziarono a scrivere al papa, chiedendo chiarimenti o permessi speciali per assolvere i trasgressori.

Il gran numero delle richieste di esenzione rese evidente che la bolla papale era inapplicabile. Piuttosto che astenersi dalla pratica diffusa dell'aborto, molti cattolici semplicemente accettavano o ignoravano la scomunica dalla chiesa.
Dopo la morte di Sisto nel 1590, papa Gregorio XIV ribaltò rapidamente l'editto, limitandolo ai feti "dotati di anima" cioè quelli con più di 30 giorni dal concepimento.

Gli Stati Uniti si apprestano a diventare un paese dove l'integralismo religioso sostituisce il diritto laico, come in altri paesi dove prevale il fondamentalismo musulmano.