CORONAVIRUS TROPPI MORTI E IL GOVERNO DRAGHI Blog menoopiù

CORONAVIRUS TROPPI MORTI E IL GOVERNO DRAGHI



A "Piazzapulita" di Corrado Formigli del 1 aprile si collega l'alto numero di morti per Covid-19 e la bassa percentuale di anziani vaccinati, come avevo denunciato due settimane fa.

Inizia a incrinarsi il muro di omertà e convenienze che circondano il Recovery di Mario Draghi.

i.fan. - 02/04/2021


troppi morti covid-19 italia


Finalmente qualcuno si pone la domanda: perché ancora tanti morti per Covid-19 in Italia? Perché, mentre aumenta il numero dei vaccinati (anche se lentamente), non diminuiscono i decessi e in particolare quelli degli anziani? Ormai ogni giorno da diverse settimane si registrano tra i 400 e i 500 morti, nonostante le regioni rosse, la chiusura delle scuole, le vaccinazioni e i videomessaggi di Draghi.


Due settimane fa, dopo la morte di Raoul Casadei, 83 anni, avevo fatto notare che secondo i numeri ufficiali quasi tutti gli anziani avrebbero dovuto già essere vaccinati, ma non lo erano.

...

Covid-19 si è portato via anche Raoul Casadei, il simbolo del "lissio" romagnolo e della sua omonima orchestra. Aveva 83 anni e, stando a quanto raccontano i suoi familiari, era ancora molto attivo.


Cito la morte di Casadei, uno dei 101.000 deceduti dall'inizio della pandemia, perchè mentre leggevo la sua età, 83 anni, mi è venuta spontanea una domanda: ma non avevano detto che gli over 80 sarebbero stati vaccinati per primi? e quanti sono gli anziani compresi in questa fascia di età, che secondo le statistiche ufficiali è quella con il maggior numero di decessi?

secondo i dati ISS : L’età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 è 81 anni (mediana 83, range 0-109, Range InterQuartile - IQR 75-88). Le donne decedute sono 42.191 (43,9%). L’età mediana dei pazienti deceduti positivi a SARS-CoV-2 è più alta di oltre 30 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione (età mediane: pazienti deceduti 83 anni – pazienti con infezione 48 anni).

L'età mediana dei deceduti è di 83 anni, come quella di Raoul Casadei; L'80% dei deceduti era over 70.
Al 1 marzo 2021 sono 1055, dei 96.141 (1,1%), i pazienti deceduti SARS-CoV-2 positivi di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 254 di questi avevano meno di 40 anni (152 uomini e 102 donne con età compresa tra 0 e 39 anni).

Il numero degli anziani over 80 in Italia è di circa 3,5 milioni.


Al 2 marzo, data in cui Casadei si è ammalato di Covid, il numero dei vaccinati in Italia era di 4.450.000.


Non risulta che Casadei fosse tra questi. Perchè? e quanti come lui, non sono stati ancora vaccinati?


Perchè le istituzioni sanitarie, il CTS , il ministero della Salute e il governo mettono tutta Italia in lockdown se la fascia di età che conta per oltre l'80% di ammalati e morti, dovrebbe essere già vaccinata e in sicurezza?


I conti non tornano.

Salvini litiga con il ministro Speranza e Covid-19 dilaga.

Ora la denuncia è ufficiale, dopo la la puntata di Piazzapulita. Avendo superato la soglia dei 10 milioni di vaccinati, in teoria tutti gli over 80 dovrebbero essere al sicuro. E invece no.

Sono solo il 30% del totale, tutti gli altri sono categorie con priorità, operatori sanitari, forze dell'ordine, magistrati, politici, avvocati. Del 20% del totale non si conosce la motivazione della priorità. Amici.

Tanti, troppi morti per Covid, sono sulla coscienza delle strutture sanitarie e sulle scelte, o non scelte, fatte dal governo Draghi e dal commissario-generale Figliuolo.


Quest'ultimo in particolare ha il merito di aver dato la "copertura" ai furbetti del vaccino, a tutti quelli che hanno scavalcato gli anziani con la scusa che c'erano "dosi avanzate" che, come aveva detto il generale Figliuolo, non andavano sprecate.

C'è stata la corsa a non "sprecare" le dosi e nella corsa si sa gli anziani restano dietro, poverini, e muoiono.


Ora il generale si lamenta di essere rimasto senza munizioni. Dieci giorni fa aveva annunciato l'arrivo di milioni di dosi di vaccino "entro la fine del mese", il mese è passato e Figliuolo sta ancora annunciando l'arrivo.


Mentre i morti aumentano, e dopo il lockdown pasquale restano le zone rosse.


La colpa è delle Regioni, sono loro che dovevano organizzare la vaccinazione degli anziani e non lo hanno fatto.

Lombardia e Toscana, dove il malaffare e l'incompetenza hanno superato livelli di indecenza, andrebbero commissariate, ma lì ci sono gli amici di Salvini e del PD, senza i quali il governo Draghi non dura nemmeno un giorno.

Come dire che la scelta è tra tenersi Draghi, con gli incompetenti che governano e gli anziani che muoiono, oppure tornare a votare. Un dilemma già visto.


Salvini litiga con il ministro Speranza e Covid-19 dilaga.


C'è un altro motivo che sta dietro ai tanti, troppi morti di Covid-19 in Italia.

L'arrivo del governo Draghi nel pieno della seconda ondata e l'insorgere di varianti del coronavirus, ha illuso tutti che la guerra sarebbe stata vinta con facilità e in poco tempo.

O meglio, questo è quello che hanno voluto farci credere.


La grande e giustificata pressione sociale verso il "liberi tutti" non solo non ha trovato argini adeguati nel nuovo governo a trazione leghista ma ha spazzato via i pochi che ancora lanciavano appelli alla cautela.


"Liberi tutti", si riapre, la pandemia è finita, ora ci sono i vaccini di Draghi.

Nel balletto delle zone rosse, arancioni, gialle, accompagnato dalle truffe dei numeri falsi come in Sicilia, ha finito per ballare il coronavirus, colpendo quelli che avrebbero dovuto essere vaccinati per primi e non lo sono stati.


Dietro i tanti, troppi morti di questi giorni, c'è una responsabilità enorme, gigantesca del governo Draghi.


"Piazzapulita" ha iniziato a rompere il muro di omertà e convenienze che circondano il Recovery di Mario Draghi.

i.fan.



Post recenti

next

MYANMAR CINA E MILK TEA ALLIANCE

MYANMAR CINA E MILK TEA ALLIANCE

Dopo il colpo di Stato militare, la Cina viene indicata dal popolo del Myanmar come il vero manovratore dei golpisti. Il regime di Xi Jinping si rifiuta di condannare i militari e il massacro della popolazione, mentre invia truppe al confine, accusa Taiwan e le organizzazioni della Milk Tea Alliance

Leggi

previous

PROCESSO CHAUVIN, UNA RAGAZZA TESTIMONE CHIAVE CONTRO LA POLIZIA RAZZISTA

Darnella Frazier, una ragazza di 18 anni, è la testimone chiave nel processo contro Derek Chauvin per l'omicidio di George Floyd. E' lei che ha girato il video di Chauvin con il ginocchio sul collo di George che implora "I can't breathe"

Leggi

-->