COVID-19, SALMONE INFETTATO DALL'EUROPA CAUSA ALLARME DI UNA NUOVA ONDATA IN CINA


- 15/06/2020

Secondo le autorità cinesi, il nuovo focolaio di Covid-19 a Pechino sarebbe stato "acceso" dal salmone importato dall'Europa. Se fosse vero le ripercussioni sulla catena alimentare mondiale sarebbero enormi.


/media/vu5bsgj3/covid-19-xi-jinping.jpg

Nell'enorme mercato Xinfadi di Pechino, 112 ettari di banchi e negozi 10.000 lavoratori, si vendono all'ingrosso generi alimentari "normali", niente a che fare con il mercato di Wuhan dove gli animali erano venduti vivi. Nel mercato di Pechino arrivano frutta e verdura fresca e carni già trattate di mammiferi, uccelli o pesci.

Pochi giorni fa scatta l'allarme che da Pechino, essendo la capitale, si riverbera in tutta la Cina. C'è un nuovo focolaio di COVID-19, collegato al mercato Xinfadi. Vengono individuati molte decine di contagiati, molti dei quali ricoverati negli ospedali che pensavano di non dover più vedere ammalati di coronavirus. Scattano di nuovo le misure di lockdown, dopo che altri casi di contagi vengono rilevati nella regione del Guandong, migliaia di chilometri a sud.

Per ora sono misure localizzate in alcuni quartieri di Pechino, in particolare quelli attorno al mercato, ma a giudicare dai toni allarmistici degli organi di stampa, si percepisce una diffusa paura che i nuovi casi di covid19 possano rappresentare l'avanguardia della temuta seconda ondata di epidemia.


Anche se i numeri sono piccoli, si teme soprattutto un effetto psico-politico nella popolazione. Da due mesi il regime faceva sfoggio di grande sicurezza per aver completamente bloccato il coronavirus, tramutandolo in un messaggio di sfida e confronto verso l'Europa e gli Stati Uniti ancora alle prese con centinaia di morti e misure di blocco dell'economia.


La nuova possibile seconda ondata potrebbe generare un effetto di disillusione e reazione opposta alla retorica nazionale.


Anche per questo il regime ha diffuso la notizia che la causa del focolaio di Pechino sarebbe venuta da fuori, in particolare dall'Europa e dal cibo importato da alcuni paesi. Contrariamente a quanto si è sempre affermato sulla trasmissione del coronavirus tramite cibo, i cinesi ora dichiarano che il virus sarebbe stato importato attraverso le confezioni di salmone da un paese europeo.


Se fosse vero, anche l'Europa dovrebbe avviare immediatamente un'indagine per confermare o smentire questa grave ipotesi, le cui ripercussioni sulla catena alimentare mondiale sarebbero enormi.

In un'intervista con il Global Times di domenica, Chen Xi, professore associato di salute pubblica presso l'Università di Yale, ha suggerito di fare un confronto di tipi di sequenziamento genico virale da diversi paesi per determinare se il virus rilevato a Pechino provenga dagli stessi paesi da cui è stato importato il salmone.

da Global Times

"Il rischio di diffusione dell'epidemia di Pechino è molto elevato, ha avvertito il vice premier cinese Sun Chunlan, che ha esortato i funzionari ad adottare misure decisive, ha detto che l'infezione era strettamente legata al mercato Xinfadi, che è densamente popolato e un alto tasso di mobilità, e quindi ha un rischio molto elevato di diffusione.
domenica 14, Pechino ha segnalato 79 casi collegati al mercato Xinfadi.
L'ultimo focolaio di Pechino si è esteso a tre province, nell'Hebei, nel Sichuan e nella Cina sud-occidentale, dove sono segnalati casi di COVID-19 confermati o sospetti collegati a Pechino.
...
Sun ha osservato che il mercato Xinfadi e le aree circostanti dovrebbero essere sottoposte a indagini epidemiologiche con ricerche approfondite e complete.
Ha sottolineato la necessità di rilevare e controllare la fonte di infezione in modo più proattivo.
La Commissione sanitaria nazionale ha anche sottolineato domenica che "la situazione di prevenzione e controllo delle epidemie a Pechino è ancora molto grave, e ci sono incertezze nella prevenzione e nel controllo anti-epidemia".

Da venerdì, le autorità sanitarie di Pechino hanno agito rapidamente in risposta all'emergenza e stanno lavorando contro il tempo per raccogliere informazioni su chiunque nella città fosse stato a Xinfadi o avesse avuto contatti con essa dal 30 maggio. Chiunque abbia avuto contatti è tenuto a sottoporsi a un test dell'acido nucleico.
I funzionari del NHC hanno sottolineato che il pensiero di fondo e il senso di responsabilità devono essere rafforzati per la prevenzione di grandi epidemie e la lotta contro grandi battaglie.
Il NHC ha inviato un gruppo di esperti per guidare la capitale nella lotta contro l'epidemia, e rafforzare l'analisi e il giudizio della situazione epidemica.
Sono stati impiegati anche esperti che in precedenza hanno combattuto la malattia a Wuhan, in particolare quelli nel campo delle indagini epidemiologiche e della sanificazione ambientale.
Sia la "prevenzione" che il "trattamento" nella lotta contro l'epidemia sono importanti, hanno detto funzionari del NHC, notando che sono necessarie "misure decisive, potenti ed efficaci" per bloccare l'epidemia prima che si trasformi in un disastro.
Il governo centrale ha detto che sosterrà Pechino nel migliorare le sue capacità di test dell'acido nucleico, che coprirà tutte le aree e le popolazioni chiave, e poi amplierà gradualmente la portata dei test.
Il quartiere Fengtai di Pechino da domenica condurrà test sull'acido nucleico su più di 46.000 residenti che vivono in comunità vicino al mercato Xinfadi.

I servizi igienico-sanitari a livello nazionale saranno implementati, prendendo di mira i mercati all'ingrosso di alimenti, i ristoranti e i centri logistici.
Il vice premier ha anche sottolineato che a causa del fatto che nessuno ha pienamente compreso come il virus muta e si diffonde, e l'epidemia d'oltremare si sta ancora diffondendo, la Cina ha una missione ardua nel prevenire e controllare l'epidemia.

"Tutti i distretti e i dipartimenti non devono avere pensieri intorpiditi, affaticamento della guerra, contare sulla fortuna, o prendere una mentalità rilassata," ha esortato Sun.

In seguito alle infezioni raggruppate nel mercato Xinfadi, il vice capo del distretto di Fengtai, Wang Hua, capo del partito del sottodistretto di Huaxiang a Fegntai, e il capo del mercato Xinfadi, sono stati rimossi dai loro incarichi.

Il team investigativo inviato dal governo municipale di Pechino ha detto che i funzionari non sono riusciti a svolgere le loro responsabilità, tra cui fare un cattivo lavoro nella disinfezione.
Un esperto del Beijing Center for Diseases Prevention and Control ha rivelato domenica che il sequenziamento del genoma del ceppo del coronavirus che ha causato la nuova epidemia di COVID-19 a Pechino dimostra che ha avuto origine dall'Europa.

Il virus può essere entrato nel mercato attraverso frutti di mare contaminati e carne importata dall'estero che ha infettato coloro che sono venuti a contatto con esso, o attraverso le persone che entrano nel mercato che lo diffondono attraverso secrezioni umane, esperti credevano.

I test di sequenziamento del genoma sull'ammasso di virus del mercato alimentare Xinfadi indicano fonte europea: ricercatore del CDC di Pechino
Fonte:Global Times Pubblicato: 2020/6/14 20:12:11

Il sequenziamento del genoma del virus COVID-19 dalle infezioni cluster di Pechino nel mercato Xinfadi ha mostrato che il virus proviene dall'Europa. I risultati preliminari hanno mostrato che le infezioni sono correlate con casi importati: ricercatore del CDC di Pechino

I principali supermercati di Pechino, tra cui Carrefour e Wumart, hanno smesso di vendere salmone sabato dopo che i taglieri dei grossisti del mercato Xinfadi di Pechino hanno rilevato il nuovo coronavirus, scatenando la preoccupazione che il salmone potesse essere contaminato dal virus mortale, nonostante i virologi dicessero che il coronavirus non può essere trasmesso dai pesci all'uomo.
Quando i giornalisti del Global Times hanno visitato i supermercati della capitale sabato, non hanno trovato salmone in vendita e molte bancarelle di pesce sono state chiuse. I clienti locali sono apparsi esitanti per acquistare salmone, carne e altri frutti di mare.
Nella sezione frutti di mare di una filiale del supermercato Hema Fresh di Alibaba nel distretto di Chaoyang, il Global Times ha scoperto che il numero di clienti appare più piccolo e non è stato visto nessun salmone in
vendita. Un lavoratore di Un'altra filiale di Hema Fresh vicino alla zona di Shilipu a Chaoyang ha detto all'Ora Globale che il loro salmone non è stato fornito dal mercato Xinfadi e che i clienti potevano ancora ordinare il pesce attraverso la loro app online.

Pechino ha reagito rapidamente dopo 79 casi confermati di COVID-19 sono stati segnalati domenica, adottando misure tra cui l'espansione dei test dell'acido nucleico, il rafforzamento della gestione delle comunità residenziali in distretti gravemente colpiti e l'avvio di indagini epidemiologiche dopo che un gruppo di casi è stato scoperto nel più grande mercato alimentare all'ingrosso della città.
L'improvviso picco nella capitale è venuto dopo che la Cina ha sperimentato un breve periodo di calma e ha innescato crescenti preoccupazioni su una possibile seconda ondata del virus.
Pechino ha riportato 36 nuovi casi confermati domenica per un totale di 79.
Secondo una conferenza stampa di domenica, molti hanno avuto contatti diretti o indiretti con il mercato Xinfadi nel quartiere Fengtai della capitale.
Da venerdì, le autorità sanitarie di Pechino hanno agito rapidamente in risposta all'emergenza e stanno lavorando contro il tempo per raccogliere informazioni a chiunque nella città fosse stato al mercato Xinfadi o avesse contatti con esso dal 30 maggio. Chiunque abbia confermato il contatto deve sottoporsi a un test dell'acido nucleico.


Alcuni esperti hanno affermato che il ceppo del virus rilevato a Xinfadi potrebbe provenire da casi importati e hanno chiesto indagini epidemiologiche più dettagliate per trovare la fonte o l'origine del nuovo ceppo.
Il distretto di Fengtai, nel sud di Pechino, ha dichiarato lo stato di "gestione in tempo di guerra".


Il distretto intende testare tutti i 46.000 residenti che vivono in comunità nelle vicinanze di Xinfadi, il vice capo distretto di Fengtai, ha detto in una conferenza stampa domenica.
Il mercato Xinfadi è chiuso e 11 comunità residenziali sono bloccate.
Tre scuole e sei asili nelle vicinanze sono stati sospesi, ha parlato Chu Junwei, capo del distretto di Fengtai, in occasione di una conferenza stampa anticipata.

Non una seconda Wuhan

Un funzionario incaricato del lavoro comunitario in un sottodistretto di Fengtai, che ha chiesto l'anonimato, ha detto al Global Times che le comunità residenziali nel suo sottodistretto hanno ripreso la registrazione della temperatura, una misura di controllo delle epidemie e prevenzione che era stata revocata il 6 giugno, quando Pechino ha abbassato la sua risposta COVID-19 al livello III. Più lavoratori della comunità sono stati dispiegati per gli ingressi della comunità residenziale ancora una volta per assicurarsi che tutti si registrino.
L'altro obiettivo è quello di trovare coloro che sono stati recentemente sul mercato. Il sottodistretto sta usando i big data per cercare queste persone, ha detto il funzionario.
Dopo lo screening, quelli che si ritiene siano a rischio di infezione saranno testati durante la quarantena a casa, ha detto il funzionario.

Oltre al Fengtai, molti sottodistrettuali di Pechino hanno aggiornato il loro livello di rischio COVID-19 al livello II dal livello III da sabato. L'intera città ha aumentato la sua guardia contro il virus di nuovo - le persone che erano inclini a togliersi le maschere a causa del caldo stanno ora prendendo tutte le precauzioni di nuovo. Nei supermercati e nei ristoranti, le persone sono consapevoli di mantenere una certa distanza sociale, avendo la loro temperatura presa prima di entrare ed evitando deliberatamente incontri.
A differenza della situazione precedente in cui un'intera città avrebbe aggiornato il livello di rischio quando un caso è stato individuato, il che può avere un enorme impatto sulla vita quotidiana delle persone, l'attuale avviso di rischio si applica alle comunità correlate, ha detto il principale epidemiologo del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).
Egli ha osservato che la mossa avrebbe aiutato le autorità a frenare la diffusione del virus in modo più preciso.
L'improvviso picco di Pechino ha attirato l'attenzione nazionale con molti preoccupati che una seconda ondata del coronavirus possa essere iniziata.

Alcuni esperti di salute pubblica raggiunti dal Global Times hanno avvertito che, considerando gli elevati flussi di persone sul mercato Xinfadi e il numero di contatti stretti con casi confermati, lievi omissioni di screening possono aumentare il rischio di diffusione del virus, il che significa che Pechino sta affrontando una missione ardua nel monitoraggio di tutti i contatti.
Ma è ancora troppo presto per giudicare l'entità dell'epidemia quando la fonte di infezioni rimane sconosciuta.
Il numero di casi confermati nelle prossime due settimane sarà un indicatore decisivo per il fatto che l'epidemia regionale di COVID-19 a Pechino innescherà una seconda ondata, Wang Guangfa, un esperto respiratorio presso il primo ospedale universitario di Pechino, ha detto al Global Times domenica.
Wang ha detto che "se il numero di nuovi casi confermati ogni giorno mostra una tendenza al rialzo entro il periodo medio di incubazione del virus, cioè 7 giorni, Pechino dovrebbe considerare di imporre misure anti-epidemiche più forti, in modo che la nuova ondata dell'epidemia potrebbe essere adeguatamente controllata."

Diverso dall'epidemia di Wuhan, il gruppo di infezioni a Pechino arriva in un momento in cui la Cina ha acquisito una ricca esperienza nel far fronte al COVID-19 - prima a Wuhan, nella provincia di Hubei della Cina centrale, e secondo a Shulan, nella provincia di Jilin, nel nord-est della Cina. Pertanto una scala simile di blocco non si vedrà a Pechino, Wang ha osservato.
Il CDC ha convenuto che Pechino non diventerà un secondo Wuhan, senza bisogno di chiudere la città, e il virus non si diffonderà in altri luoghi in tutto il paese. L'epidemia di Pechino è più di un focolaio a breve termine. Il numero di casi è destinato ad aumentare per alcuni giorni, ma poi sarà messo sotto controllo, ha detto l'epidemiologo senior.
Finché vengono tracciati i contatti stretti dei casi confermati e le persone che hanno avuto contatti con il mercato all'ingrosso, la sicurezza di Pechino può essere garantita, ha detto Wang.
Per ampliare l'ambito dei test COVID-19, Pechino ha designato 98 istituzioni e ospedali per gruppi o individui da sottoporre a test. La capacità massima giornaliera di test è superiore a 90.000.
Lunghe file di residenti locali sono stati visti domenica davanti a Pechino You'an Hospital vicino al mercato Xinfadi, in attesa di essere testati.

"Ieri abbiamo iniziato il servizio di test dell'acido nucleico con 500 persone al giorno alle 7 del mattino", ha detto al Global Times un membro dello staff dell'ospedale.
Le persone hanno bisogno di presentare la loro carta d'identità e pagare 230 yuan per ottenere il test, e i risultati saranno disponibili dopo 24 ore, ha detto.

Dopo che il nuovo coronavirus è stato rilevato su un tagliere utilizzato da un venditore per elaborare il salmone importato a Xinfadi, il mercato così come la maggior parte dei residenti di Pechino hanno reagito rapidamente per quanto riguarda la sicurezza del salmone e la fonte di infezione. Yang Peng del Beijing Disease Control and Prevention Center è stato citato dalla China Central Television (CCTV) domenica come dicendo che l'indagine sull'esatta fonte del virus a Xinfadi è ancora in corso.

"Attraverso il sequenziamento del genoma, [abbiamo scoperto] che il ceppo del virus proveniva dall'Europa...
ed è inizialmente legato a casi importati", ha detto Yang a CCTV.

Yang ha detto che la fonte del virus e come si è diffuso non è ancora noto.


Un venditore di verdure soprannominato Yu ha detto che il mercato Dayanglu ha rafforzato la gestione dei venditori in visita, tra cui il monitoraggio della temperatura, disinfezioni regolari, controllando i codici QR di salute e carte d'identità e controllando le informazioni di
registrazione. "È proprio come quando eravamo al più alto livello di allerta... I prezzi degli ortaggi e della carne sono in aumento, ma abbiamo abbastanza provviste per tenere il passo", ha detto.
Rispetto al sabato, quando un gran numero di persone si precipitò sui mercati per comprare e fare scorta di cibo, la domenica c'erano significativamente meno persone nei mercati.
Un venditore di prodotti di pesce soprannominato shang in un mercato bagnato a Chaoyang ha detto al Global Times di domenica che la gestione del mercato aveva organizzato per tutti di essere testati il giorno prima in un ospedale locale, che aveva alleviato i
nervi.
Anche se non vende salmone, il tagliere e altre attrezzature sono state testate e non è stata trovata alcuna traccia di coronavirus.

Anche se gli esperti hanno detto che il pesce è una fonte improbabile del virus, il sabato, supermercati e ristoranti hanno smesso di offrire salmone.
Il virus del sequenziamento genetico mostra che il ceppo di Pechino questa volta non assomiglia al tipo ampiamente circolante in Cina.
Due campioni sono già stati testati, e sono necessari ulteriori test per determinare dove l'epidemia è diretta, ha osservato.
In un'intervista con il Global Times di domenica, Chen Xi, professore associato di salute pubblica presso l'Università di Yale, ha suggerito di fare un confronto di tipi di sequenziamento genico virale da diversi paesi per determinare se il virus rilevato a Pechino provenga dagli stessi paesi da cui è stato importato il salmone.



ULTIMI POST

menoopiu' blog - le mie opinioni www.menoopiu.it - Questo sito non é una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7/3/2001. - "menoopiu.it" sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee, quindi tutti i post possono essere riprodotti ricordandosi di menzionare il blog o inserire un link al post originale. - Copyright © 2019 - realizzato con Umbraco v8.0.1 - i.fantasiaatmenoopiu.it - twitter: https://www.twitter.com/atmenoopiu