HAMAS RILASCIA 30 BAMBINI E 20 DONNE per 150 Palestinesi Detenuti


i.fan. - 22 Novembre 2023 - aggiornato il 25/11/2023 19:30:14


/media/rv3nkcvz/bambini-ostaggi-hamas-israele.jpg

L'accordo Hamas-Israele per il rilascio di un primo gruppo di 50 ostaggi, 30 bambini e 20 donne, in cambio di tregua e 150 palestinesi detenuti, sarà realizzato entro 48 ore. Cosa prevede



IL PRIMO SCAMBIO DI OSTAGGI DI HAMAS E PRIGIONIERI DI ISRAELE


Gaza - 24/11/2023 - "IDF e servizio di sicurezza Shin Bet stanno attualmente scortando gli ostaggi rilasciati che tornano a casa, dopo che è stata condotta una valutazione preliminare delle loro condizioni mediche all'interno del territorio israeliano", si legge in una dichiarazione dell'esercito israeliano.
"Le nostre forze accompagnano i rimpatriati fino a quando non vengono trasferiti tra le braccia delle loro famiglie"
Il Qatar conferma il rilascio di 39 donne e bambini palestinesi detenuti nelle carceri israeliane nell'ambito di una tregua negoziata tra Hamas e Israele.
Il gruppo è stato trasferito nella prigione di Ofer, nella Cisgiordania occupata, dove le famiglie riunite all'esterno attendono con ansia il loro ritorno a casa.
Il Qatar conferma anche il rilascio di 13 israeliani, tra cui persone con doppia cittadinanza, nell'ambito della stessa tregua.
Il Ministero degli Affari Esteri del paese mediatore ha anche detto che 10 cittadini thailandesi e un filippino sono stati liberati a Gaza al di fuori del quadro della tregua.
La Croce Rossa conferma il rilascio dei 24 civili prigionieri a Gaza.
In base alla tregua, un totale di 150 prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane e 50 prigionieri detenuti a Gaza saranno rilasciati in un periodo di quattro giorni che vedrà una pausa nei combattimenti.

rilascio ostaggi Hamas Israele

21 novembre - E' solo questione di ore, dopo che i militari israeliani hanno dato il via libera all'accordo di scambio con Hamas per gli ostaggi prigionieri a Gaza.

Saranno rilasciati 30 bambini e 20 donne, in cambio di 140 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Lo scambio avverrà nell'arco di 4 giorni,nei quali l'IDF dovrà garantire almeno 6 ore di cessate il fuoco per consentire lo spostamento e il rilascio degli ostaggi.
Israele dovrà consentire anche il transito di 400 camion carichi di viveri per la popolazione di Gaza
I mediatori dell'accordo sono Qatar e Stati Uniti, con la regia di Joe Biden. Nelle mani di Hamas restano ancora almeno 180 ostaggi, che saranno "utilizzati" per altri scambi e per garantire una via di fuga a Sinwar e altri esponenti di Hamas.
L'ultradestra israeliana, contraria all'accordo, minaccia di far cadere il governo Netanyahu. Le Brigate Al-Quds, ala militare della Jihad islamica, hanno annunciato martedì la morte di una donna israeliana in ostaggio, la colona Hanna Katsir, che il gruppo terroristico aveva intenzione di rilasciare per motivi umanitari.


22 novembre - I media ebraici rivelano i dettagli più importanti dell'imminente accordo sullo scambio di prigionieri tra Israele e Hamas e i meccanismi di attuazione non saranno prima di giovedì o venerdì.

Netanyahu promette di continuare la guerra e annuncia che gli ostaggi saranno rilasciati gradualmente.


Mentre ci si aspettava che l'accordo entrasse in vigore martedì sera, il canale israeliano Channel 12 ha detto che il rilascio dei prigionieri dovrebbe iniziare giovedì o venerdì prossimo.


L'accordo prevede il rilascio di 50 prigionieri israeliani dalla Striscia di Gaza, in cambio del rilascio di 150 prigionieri palestinesi dalle carceri israeliane, oltre a un cessate il fuoco a Gaza per 4 giorni, a condizione che 300 camion di forniture umanitarie, compreso il carburante, entrino nella Striscia ogni giorno.


L'accordo mediato dal Qatar lascia la porta aperta per altri giorni di cessate il fuoco, con il rilascio di altri ostaggi da entrambe le parti.


la versione dei palestinesi


Per quanto riguarda le nazionalità dei prigionieri che dovrebbero essere rilasciati da Hamas, una fonte politica israeliana ha detto all'emittente statale che i cinquanta prigionieri hanno la cittadinanza israeliana.
La fonte, che non è stata nominata dalla commissione, ha spiegato che "se Hamas rilascia cittadini stranieri, sarà fuori dall'accordo".


La fonte ha sottolineato che i prigionieri palestinesi che saranno rilasciati possono tornare alle loro case, aggiungendo che "durante il cessate il fuoco, le azioni militari si fermeranno su Gaza per sei ore al giorno".


Meccanismi di attuazione


Secondo l'emittente, le troupe del Ministero della Giustizia israeliano hanno già iniziato a preparare liste di prigionieri palestinesi da includere nell'accordo, sia bambini che donne.


In anticipo, il ministero pubblicherà i nomi dei prigionieri per consentire a eventuali obiettori di presentare petizioni alla Corte Suprema e, se verranno respinte, l'IPS pubblicherà i nomi.
"I nomi dei prigionieri vengono solitamente rivelati 48 ore prima che l'accordo venga eseguito, questa volta è probabile che avvenga con 24 ore di anticipo", ha detto la commissione.
"Un'udienza (presso la Corte Suprema) su eventuali petizioni, se ce ne sono, non è prevista prima di giovedì, e la decisione viene solitamente presa entro poche ore".
"In passato, nonostante le petizioni presentate, la Corte Suprema non ha obiettato, la decisione in tali questioni è presa dai livelli politici e la corte non interviene", ha osservato la commissione.
"Il Ministero della Giustizia esaminerà i nomi dei prigionieri che saranno rilasciati; è necessario sottoporsi a un processo di commutazione o indulto", ha detto.
"Se si tratta di una persona che è stata processata davanti a tribunali civili, è il presidente israeliano (Isaac Herzog) che firmerà il suo rilascio, ma se è stata processata davanti a tribunali militari, il comandante militare firmerà una commutazione della pena o la grazia", ha detto.
Martedì sera, il gabinetto militare israeliano ha discusso i dettagli dell'accordo previsto, poi il gabinetto di sicurezza e affari politici, dopodiché il gabinetto allargato ha iniziato a votare l'accordo.


Sia il partito di estrema destra Potere Ebraico, guidato dal ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir, che il partito di estrema destra Sionismo religioso, guidato dal ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, hanno annunciato che voteranno contro l'accordo.


Cosa ha detto Netanyahu


All'inizio della riunione di gabinetto, Netanyahu ha detto che "questo incontro ha lo scopo di discutere il ritorno dei rapiti, ma vorrei iniziare con qualcosa che deve essere chiaro, ovvero che ci sono discorsi vuoti, come se dopo la tregua per il ritorno dei rapiti si fermasse la guerra".


"Siamo in guerra e continueremo la guerra. Continueremo la guerra fino a quando non raggiungeremo tutti i nostri obiettivi. "Eliminate Hamas, rimpatriate tutti i rapiti e assicuratevi che non ci sia alcun elemento a Gaza che minacci Israele".


"Negli ultimi giorni ho parlato con il nostro amico, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, e ho chiesto il suo intervento per migliorare il piano (accordo) che vi verrà presentato, ed è già stato migliorato per includere più ostaggi a un prezzo inferiore", ha detto.
Netanyahu ha aggiunto: "Stasera abbiamo una decisione difficile, ma è quella giusta. Tutti i funzionari della sicurezza lo sostengono pienamente".
Ha detto che ci sono fasi nella guerra, così come fasi nel ritorno dei rapiti, e non ci fermeremo fino a quando non avremo raggiunto la vittoria completa e li restituiremo tutti.

Per 46 giorni, l'esercito israeliano ha condotto una guerra devastante contro Gaza, che ha causato più di 14.128 vittime palestinesi, tra cui più di 5.840 bambini e 3.920 donne, oltre a più di 33.000 feriti, il 75% dei quali bambini e donne, secondo l'ufficio stampa del governo a Gaza.


Hamas ha ucciso 1.200 israeliani e ne ha feriti 5.431, secondo fonti ufficiali israeliane.


Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha dichiarato durante la riunione di gabinetto allargata: "Dobbiamo prendere decisioni importanti nelle prossime ore e giorni".
Benny Gantz, un ministro del gabinetto militare, ha dichiarato: "Questo piano (accordo) è difficile e doloroso umanamente, ma è corretto perché raggiunge il massimo che può essere raggiunto, e penso che costituirà la base per il completamento".


i.fan. twitter: menoopiu


Key1: Ostaggi di Hamas keywords: Guerra di Gaza, Hamas, Israele, Ostaggi di Gaza, Netanyahu, Joe Biden, Palestina, Qatar,

Date Created: 22/11/2023 09:12:13


Post recenti

next


/media/1i0lc05x/non-una-di-meno.jpg

INSIEME SIAM PARTITE, INSIEME TORNEREMO, NON UNA DI MENO

Dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin per mano di Filippo Turetta, a Roma enorme partecipazione alla manifestazione delle donne contro la violenza maschile. Assente Giorgia Meloni e il suo governo

previous


/media/xbxeih4q/giulia-cecchettin-femminicidio-105.jpg

Femminicidio di Giulia Cecchettin, "E' STATO IL VOSTRO BRAVO RAGAZZO"

19/11 - Filippo Turetta, l'assassino di Giulia Cecchettin, arrestato in Germania.

Ennesimo femminicidio, il numero 105 dall'inizio dell'anno, la vittima è Giulia Cecchettin, 22 anni, uccisa dal "bravo ragazzo" Filippo Turetta, ora latitante


---
_______ ALTRI POST _____________