Funerali di Nahel M. la Francia Ostaggio della Polizia Violenta


/media/rahn0jgv/funerali-nahel-francia.jpg

DIRETTA

I funerali di Nahel si svolgono in un clima di altissima tensione, alimentata dalle dichiarazioni dei 2 principali sindacati di polizia. Che non contenti della morte del diciassettenne Nahel, chiedono di "farla finita con le orde" di manifestanti che da giorni protestano in tutta la Francia.

i.fan. - 1 Luglio 2023 - aggiornato il 05/07/2023 14:52:16



1 Luglio - I funerali di Nahel si svolgeranno in un clima di altissima tensione, alimentata dalle dichiarazioni dei 2 principali sindacati di polizia.


DIRETTA


Che non contenti della morte del diciassettenne Nahel M., chiedono di "farla finita con le orde" di manifestanti che da tre giorni protestano in tutta la Francia. Una dichiarazione cinica di stampo golpista.

La polizia eversiva e razzista minaccia anche Macron: "Oggi la polizia sta combattendo perché siamo in guerra", e spiegano che "si assumeranno le loro responsabilità". "Sottomettersi, capitolare e compiacerli (i manifestanti) deponendo le armi non sono le soluzioni data la gravità della situazione", si legge nel comunicato.

Con queste premesse a Nanterre, dove si svolgeranno le esequie di Nahel, si prevede un'altra giornata di scontri, violenze e arresti.

uccisione di Nahel M.

Nahel è morto perché un agente di polizia ha deciso che il suo adolescente doveva essere processato sull'asfalto e senza processo.

Quando anche altri adolescenti, i figli di un ex presidente, di un ex candidato alla presidenza, di ex ministri hanno morso le linee in auto o in scooter, siamo stati in grado di scusare gli errori dei giovani. "Vedi, è così che impari." Come ogni giovane, Nahel aveva il diritto di impararlo, aveva il diritto di sbagliare.

È stato portato via. Il suo unico diritto è quello di rimanere dritto, la sua punizione è la sanzione suprema. E per la sua famiglia, una bara e lacrime.

Nahel è morto, perché nessuno ammette che una voce sussurra nel profondo di noi "questo è il destino di questa gente", che "è così", che "è triste". Se l'arma è tenuta in mano dal brigadiere, è stato il nostro inconscio collettivo ad avere il dito sul grilletto, è stata l'estrema destra ad attivarla. Il proiettile nel cuore di Nahel è il peso della nostra pigrizia, il nostro rifiuto di ascoltare gli avvertimenti, Malik, Steve, Theo,

Morte di Nahel: per Amal Bentounsi, "spegnere l'incendio è iniziare abrogando la legge del 2017"

Per l'attivista, i movimenti di protesta che si sono verificati dopo la morte di Nahel martedì 27 giugno sono le conseguenze di un accumulo di ingiustizie vissute quotidianamente nelle periferie e di una risposta insufficiente alla violenza della polizia.

FRANCIA, LA POLIZIA ARMATA VA IN GUERRA

perchè la polizia ha licenza di uccidere?

Marine Le Pen chiede UN "coprifuoco settoriale", e si distingue dai suoi concorrenti di destra e di estrema destra
In un video registrato dal suo ufficio come presidente del gruppo National Rally (RN) nell'Assemblea, Marine Le Pen ha rifiutato venerdì qualsiasi iniziativa individuale, promettendo "di non fare nulla che possa ostacolare l'azione delle autorità legittime che sono responsabili dell'ordine pubblico". In tono presidenziale, la leader dell'estrema destra si discosta dagli appelli allo stato di emergenza lanciati dalla destra, da Eric Zemmour . Pertanto, chiede "coprifuoco settoriale [come diverse città hanno già deciso] e, se la situazione dovesse continuare o peggiorare, la dichiarazione dello stato di emergenza".

"Non getteremo benzina sul fuoco, non metterà in discussione le scelte politiche se andranno a riportare la calma", decritta Renaud Labaye, segretario generale del gruppo RN nell'Assemblea. "[Lo stato di emergenza] è un'opzione che rimane lì, e se il Presidente della Repubblica decide di usarla, non ci opporremo. Ma questo rimane molto dannoso per le libertà, va oltre il diritto comune. Dietro c'è solo l'articolo 16 della Costituzione", che conferisce al presidente "ampi poteri".

Hakim Mokadem
30/06/2023


Mentre diverse città portano le cicatrici di una nuova notte di violenza in reazione alla morte di Nahel, Emmanuel Macron sembra aver trovato un colpevole ideale: i videogiochi. Dietro questa fantasia, diversi giochi sono regolarmente presi di mira.

All'indomani di una nuova notte di rivolta, Emmanuel Macron ha detto di aspettarsi uno "spirito di responsabilità" dalle principali piattaforme di social media venerdì 30 giugno, citando Snapchat e TikTok e chiedendo loro di rimuovere i contenuti più sensibili relativi alla violenza che scuote la Francia.

Scene di saccheggi, veicoli bruciati ed edifici pubblici degradati sono stati osservati in tutta la Francia nella notte tra giovedì e venerdì in reazione alla morte di Nahel. "A volte abbiamo la sensazione che alcuni di loro vivano per strada i videogiochi che li hanno intossicati", ha detto il presidente della Repubblica, prendendo di mira gli individui dietro queste rivolte. Un attacco sottilmente velato ai videogiochi, accusato di generare violenza. Panoramica dei videogiochi regolarmente mirati.

i.fan. twitter: menoopiu


Key1: keywords: #Nahel, #Francia, #FranceRiots, #Polizia violenta, #RivoltainFrancia, #Macron, Le Pen,

Date Created: 01/07/2023 08:47:34


Post recenti

next


/media/pl1lmyky/vittorio-sgarbi-giorgia-meloni.jpg

Cristina Comencini sa come sconfiggere il maschilismo narcisista di Vittorio Sgarbi: isolarlo, non partecipare ai suoi "dibattiti", evitare di ascoltare i suoi monologhi osceni

3 Luglio 2014 - Leggi

previous


/media/f31ltkc2/scomparsa-surovikin-putin.jpg

Il generale Surovikin, ex macellaio in Siria e per 3 mesi a capo dei russi in Ucraina, è scomparso e nessuno sa dove si trovi. Dicono che fosse amico e alleato di Prigozhin nel tentativo di rivolta contro Putin. Quindi ...

Trovato morto a Mosca Vladimir Pavlov, amministratore di JSC Voentorg, azienda collegata a Prigozhin e criticata da Putin

30Giugno 2023 - Leggi

---
_______ ALTRI POST _____________