CRONACHE DRAGHIANE. RIAPERTURE. 1 Blog menoopiù

CRONACHE DRAGHIANE. RIAPERTURE. 1


"io riapro, oggi, tra poco!"
Jonathan non reagì.
Iniziò con calma ad aprire l'archivio cerebrale di Evelyn per scrutare l'origine di quella affermazione.

i.fan. - 09/04/2021

/media/xwnn0um2/cronache-draghiane.jpg

§§§

"Io riapro".

Mentre questo pensiero fisso attraversava la sua mente, gli occhi di Evelyn ispezionavano ogni centimetro sopra la linea degli alberi.

Da giorni, più volte dal mattino alla sera, ripeteva quel pensiero e quel gesto.


Scrutava l'aria che sovrastava la sua testa, si concentrava su un punto fisso ed iniziava a contarli.

Doveva far presto e non perdere il conto.

Un'impresa quasi impossibile, quando iniziò a cimentarsi con questo strano esercizio.

Con il passare dei giorni e dei mesi, Evelyn aveva imparato a fissare un fotogramma di un'istante dentro la mente e poi a contare quanti ce ne fossero in quella istantanea.


Faceva diverse misurazioni, a distanza di pochi minuti, annotava i numeri nell'archivio cerebrale, li confrontava con le sequenze dei precedenti e poi concludeva con un OK o NOK.

Era il suo modo di esprimere lo stato d'animo associato alla misurazione.


OK, quando il conteggio aveva dato un esito inferiore al precedente, NOK in caso contrario.

Quella mattina, la 385esima mattina dall'inizio del grande lockdown, il conteggio aveva dato OK, come da 8 sequenze consecutive.

Di poco, ma di meno.

Un segno inequivocabile che i rossi pipistrelli infettanti avevano cominciato a ritirarsi o a ridursi per estinzione.


Si erano diradati a tal punto che poteva individuarli distintamente, calcolarne ogni spostamento, la velocità di attacco, la possibilità di fuga e il tempo necessario a trovare un riparo.

§§§


Dopo aver registrato la sequenza, attivò la matrice di psiconnessione per comunicare la sua decisione a Jonathan.


- ciao simpaticone -
- ciao Evelyn, mi sembri in forma questa mattina! -
- abbastanza -


una breve pausa, il tempo di trasmettere un'immagine dei suoi occhi felici, e subito andò al dunque .


 - io riapro, oggi, tra poco! -


Jonathan fu colto di sorpresa ma non reagì.

Iniziò con calma ad aprire l'archivio cerebrale di Evelyn per scrutare l'origine di quella affermazione.


Trovò la sequenza registrata pochi minuti prima, il numero rilevato e l'OK finale.


- vedo che hai fatto un buon lavoro ... -


- Jon, non tergiversare, ti ho detto che io riapro, subito -


- capisco la tua impazienza, ma non posso darti il mio OK se prima non comunico con gli assistenti del Generale. Lo sai che solo loro possono autorizzare le riaperture -


- Lo so, ma non mi fido. Troveranno qualche scusa per aspettare ancora, rinviare. Jon, io sono sicura, i pipistrelli stanno scomparendo anche se non sembra. le mie sequenze sono molto più intelligenti di quegli scienziatoni del Generale. i pipistrelli stanno andando via.


- ma come è possibile, se non ne abbiamo annientati nemmeno il 20% ? - chiese Jonathan con un tono tra l'incredulo e l'infastidito.


- non lo so Jon, questo dovrebbero saperlo gli scienziatoni, io vedo, conto e decido. Non aspetto che il Generale finisca di eliminare quei mostri infettanti. Tra l'altro ho saputo che avete finito le armi di annientamento, che le prossime chissà quando arriveranno. No, non posso aspettare.

Io riapro subito, anzi, ora lo dico anche agli amici di matrice, ... riaprite, il pericolo è finito.  

siamo liberi. siamo liberi. siamo liberi.


Jonathan non si scompose. Si era allenato a non scomporsi seguendo gli insegnamenti del Comandante Draghi. Ma sapeva dentro di sé che la situazione poteva precipitare da un momento all'altro. Doveva intervenire subito.


"siamo liberi" era un grido troppo pericoloso. Da anni non si era mai sentita una frase del genere. Prima l'asteroide, poi la pandemia di coronavirus, poi l'invasione di pipistrelli infettanti. Da anni c'era sempre un'emergenza che impediva di essere liberi.

Come ripeteva sempre il Generale, era ancora troppo presto per essere liberi, "bisogna portare pazienza".


Solo quando saremo tutti salvini potremo dirci veramente liberi.


(continua)

CRONACHE DRAGHIANE. RIAPERTURE. 2


i.fan.



Post recenti

next

DRAGHI, ERDOGAN, PUTIN. POVERO NAVALNYJ

DRAGHI, ERDOGAN, PUTIN. POVERO NAVALNYJ

Il caso Erdogan-Michel-von der Leyen e il metodo Draghi della doppia faccia, del camaleontismo, del dire ma non fare e del fare senza dire. Parole sui diritti umani, scambi e affari lucrosi con i dittatori "nell'interesse del Paese"

Leggi

previous

MICHEL, LA FACCIA DELLA VERGOGNA

MICHEL, LA FACCIA DELLA VERGOGNA

Charles Michel è la faccia odiosa dei tecnocrati, quelli che ci fanno pentire di sentirci cittadini europei, quelli che in un'intera vita non capiranno mai perché è umiliante umiliare una donna.

Draghi sul caso Erdogan:  "con questi dittatori bisogna cooperare"

Leggi

-->