I SEGNI VITALI DEL PIANETA AL PUNTO DI NON RITORNO

I SEGNI VITALI DEL PIANETA AL PUNTO DI NON RITORNO


Un gruppo di 14000 scienziati ha firmato un'iniziativa che dichiara un'emergenza climatica mondiale con i "segni vitali" della Terra che si stanno deteriorando a livelli record a causa dello sfruttamento eccessivo e dell'approccio business as usual dell'economia globale.

i.fan. - 28/01/2021

/media/cagpmsi0/incendi-sardegna-2021.jpg

L'ecosistema Terra è come un malato in terapia intensiva.

Le macchine a cui il paziente è attaccato e ne monitorano i "segni vitali" lanciano continui allarmi sull'aggravarsi delle condizioni di salute.

Secondo un gruppo di 14000 ricercatori e scienziati di tutto il mondo "i segni vitali" del Pianeta sono ad un punto di non ritorno, dopo il quale c'è la fine dell'ecosistema attuale e l'inizio di una fase sconosciuta e piena di sconvolgimenti, non solo climatici.

La colpa del rapido peggioramento sta nell'approccio business-as-usual dell'economia secondo i dati forniti dal gruppo di scienziati, i quali avvertono che diversi punti critici per il clima sono ormai imminenti.


L'iniziativa degli scienziati dichiara l'emergenza climatica mondiale, affermarmando che i governi non sono riusciti ad affrontare la causa principale del cambiamento climatico: "l'eccessivo sfruttamento della Terra".

Da una valutazione simile fatta nel 2019, hanno notato "un'impennata senza precedenti" dei disastri legati al clima, tra cui inondazioni in Sud America e sud-est asiatico, ondate di calore e incendi da record in Australia, negli Stati Uniti, in Canada e cicloni devastanti in Africa e Sud Asia. Il documento è precedente alle catastrofiche alluvioni in Germania e in Cina.

Dei 31 " segni vitali" - metriche chiave della salute planetaria che includono le emissioni di gas serra, lo spessore del ghiacciaio, l'estensione del ghiaccio marino e la deforestazione - hanno scoperto che 18 hanno raggiunto livelli record estremi.

Ad esempio, nonostante un calo dell'inquinamento atmosferico dovuto alla pandemia, i livelli di CO2 e metano hanno raggiunto i massimi di tutti i tempi nel 2021.

La Groenlandia e l'Antartide hanno recentemente mostrato livelli di massa di ghiaccio tra i più bassi di tutti i tempi, e i ghiacciai si stanno sciogliendo il 31% più velocemente di quanto non abbiano fatto solo 15 anni fa, hanno detto gli autori.

Sia il caldo oceanico che il livello del mare globale hanno stabilito nuovi record dal 2019 e il tasso di perdita annuale dell'Amazzonia brasiliana ha raggiunto il massimo da 12 anni nel 2020.

Facendo eco a precedenti ricerche, hanno affermato che il degrado forestale legato agli incendi, alla siccità e al disboscamento sta facendo sì che parti dell'Amazzonia brasiliana agiscano ora come fonte di CO2, piuttosto che assorbire il gas dall'atmosfera.

Il bestiame da allevamento, come mucche, pecore, maiali, è ora a livelli record, con più di quattro miliardi di unità e con una massa superiore a quella di tutti gli esseri umani e mammiferi terrestri selvatici messi insieme, hanno detto.

Tim Lenton, direttore del Global Systems Institute dell'Università di Exeter e coautore dello studio, ha affermato che la recente ondata di caldo da record negli Stati Uniti occidentali e in Canada ha dimostrato che il clima ha già iniziato a "comportarsi in modi scioccanti e inaspettati".

"Dobbiamo rispondere alle prove che stiamo colpendo i punti critici climatici con un'azione altrettanto urgente per decarbonizzare l'economia globale e iniziare a ripristinare invece di distruggere la natura", ha detto.

I ricercatori affermano che ci sono "prove crescenti che ci stiamo avvicinando o abbiamo già attraversato" una serie di punti critici climatici.

Questi includono lo scioglimento delle calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartico occidentale, che ora può essere irreversibile su una scala di secoli, indipendentemente da come o se l'umanità riduce le sue emissioni.

Hanno detto che l'aumento della deossigenazione degli oceani e il riscaldamento delle acque minacciavano le barriere coralline di acque calde, su cui mezzo miliardo di persone si affida per il cibo, il reddito e la protezione dalle tempeste.

"Dati questi allarmanti sviluppi, abbiamo bisogno di aggiornamenti brevi, frequenti e facilmente accessibili sull'emergenza climatica", ha detto lo studio, pubblicato sulla rivista BioScience.

Gli autori hanno fatto eco alle precedenti richieste di cambiamento trasformativo in sei aree: eliminazione dei combustibili fossili, riduzione degli inquinanti, ripristino degli ecosistemi, passaggio a diete vegetali, allontanamento da modelli di crescita indefiniti e stabilizzazione della popolazione umana.

Hanno inoltre chiesto che i temi legati al cambiamento climatico sia inclusa nei programmi scolastici di base a livello globale al fine di aumentare la consapevolezza.

Nell'immediato, hanno proposto un trio di risposte di emergenza all'emergenza climatica.

Questi consistono in "un prezzo significativo del CO2", l'eliminazione e il divieto globali dei combustibili fossili e lo sviluppo di riserve climatiche strategiche come il ripristino e il mantenimento dei pozzi di assorbimento del biossido di carbonio e degli hotspot della biodiversità.

"Dobbiamo smettere di trattare l'emergenza climatica come un problema autonomo -– il riscaldamento globale non è l'unico sintomo del nostro sistema terrestre stressato", ha detto William Ripple, illustre professore di ecologia al College of Forestry dell'Oregon State University.

"Le politiche per combattere la crisi climatica o qualsiasi altro sintomo dovrebbero affrontare la loro causa principale: l'eccessivo sfruttamento umano del pianeta."

Ovvero, come predicare nel deserto.

i.fan.


keywords: 14000 scienziati, Pianeta Terra, Cambiamenti Climatici, Surriscaldamento, Disastri Ambientali, Emissioni CO2, sfruttamento delle risorse, Amazzonia, incendi, alluvioni,

Post recenti

next

PRESIDENTE MATTARELLA, IL DOVERE E' SOLO NELLA LEGGE!

Il Presidente Mattarella, per contrastare NO-VAX e No-Pass, definisce la vaccinazione un dovere morale e civico, Giusto! perché allora non intima al governo Draghi di fare una legge per l'obbligo a vaccinarsi?

29/07/2021 - Leggi

previous

ALLA MINISTRA MESSA NON PIACE LA RICERCA

ALLA MINISTRA MESSA NON PIACE LA RICERCA

Mancano i soldi per stabilizzare 350 ricercatori precari del CNR (nonostante i 250miliardi di PNRR)? Oppure la Ricerca è solo un tema di facile propaganda?

28/07/2021 - Leggi